Passa ai contenuti principali

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui


Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola.
Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale.
A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa.
Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema.
Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.

[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quelli che quando finisce una storia d'amore si buttano sul lavoro e quelli che invece si inventano qualcosa. Tu secondo me sei più il tipo che si inventa qualcosa.

E Franz si inventa qualcosa partendo da quello che gli piace, cioè cucinare. 
«Possibile che un buon futuro possa nascere da una bugia raccontata bene?» si chiede mentre la vita la travolge coinvolgendolo suo malgrado in quel turbinio di eventi che lo porta a trovare una nuova pelle. Ed è grazie a questa nuova attività che si imbatte in Camilla, che fraintende tutto o forse capisce anche quello che Franz non ha ancora avuto il coraggio di considerare.

"Tutto il tempo che vuoi" è un romanzo brillante, dove la prima persona ci fa sentire la voce del narratore con un'ironia vivida e mai banale, segno di fresca intelligenza.
Non mi ha disturbato trovare molte frasi da segnare, quelle che, quando succede, vuol dire che il pensiero dell'autore incontra felicemente quello del lettore.
Al personaggio di Franz ci si affeziona, è inutile girarci attorno, ed evidentemente non è solo una mia sensazione, visto che dopo questo libro Francesco Gungui ha parlato ancora del suo ghostchef negli ebook "La cena perfetta di Tutto il tempo che vuoi" e "Vita da editor".

Leggetelo se avete bisogno di una nuova prospettiva sulle cose, 
che possono rompersi e poi ricostruirsi in forme nuove 
senza intaccare la sostanza del nostro essere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…