Passa ai contenuti principali

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui


Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola.
Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale.
A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa.
Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema.
Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.

[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quelli che quando finisce una storia d'amore si buttano sul lavoro e quelli che invece si inventano qualcosa. Tu secondo me sei più il tipo che si inventa qualcosa.

E Franz si inventa qualcosa partendo da quello che gli piace, cioè cucinare. 
«Possibile che un buon futuro possa nascere da una bugia raccontata bene?» si chiede mentre la vita la travolge coinvolgendolo suo malgrado in quel turbinio di eventi che lo porta a trovare una nuova pelle. Ed è grazie a questa nuova attività che si imbatte in Camilla, che fraintende tutto o forse capisce anche quello che Franz non ha ancora avuto il coraggio di considerare.

"Tutto il tempo che vuoi" è un romanzo brillante, dove la prima persona ci fa sentire la voce del narratore con un'ironia vivida e mai banale, segno di fresca intelligenza.
Non mi ha disturbato trovare molte frasi da segnare, quelle che, quando succede, vuol dire che il pensiero dell'autore incontra felicemente quello del lettore.
Al personaggio di Franz ci si affeziona, è inutile girarci attorno, ed evidentemente non è solo una mia sensazione, visto che dopo questo libro Francesco Gungui ha parlato ancora del suo ghostchef negli ebook "La cena perfetta di Tutto il tempo che vuoi" e "Vita da editor".

Leggetelo se avete bisogno di una nuova prospettiva sulle cose, 
che possono rompersi e poi ricostruirsi in forme nuove 
senza intaccare la sostanza del nostro essere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…