Passa ai contenuti principali

Un'estate con Jane, Elizabeth e Darcy


A guardare indietro, ho passato l'estate da sola.
Con mio marito, certo, e qualche sporadico amico, ma fondamentalmente sola. Con un libro.

Da luglio a settembre, ho riletto "Orgoglio e Pregiudizio" di Jane Austen e, grazie a TwLetteratura, ho avuto l'opportunità di commentare i diversi capitoli in compagnia di tutti gli utenti di Twitter che hanno aderito all'iniziativa.

Era da un po' che non riprendevo in mano in libro e, fin dall'inizio, non mi è dispiaciuto prendere parte al progetto che, come per altri libri, mi ha permesso di riflettere e riscrivere le parti che più mi hanno colpita.
Di "Orgoglio e Pregiudizio", a pensarci ora, ogni volta mi colpisce l'immortalità.


Le parole di Jane Austen sono sopravvissute ai secoli senza perdere un briciolo della loro forza.
L'ironia e il wit della scrittrice, che ha narrato le vite e i meccanismi della borghesia inglese di provincia, riescono a suscitare negli appassionati - ma sfido chiunque a non lasciarsi conquistare - una partecipazione sentita e sincera alle vicende di Elizabeth, Darcy e di tutti quelli che ruotano attorno a loro.


Mi è capitato già con altri progetti di TwLetteratura, quel senso di comunità dove la solitudine della lettura si incontra con altre solitudini grazie alla condivisione social. E non importa che siate a Roma o a Timbuktu, basta che ci sia un collegamento internet e sarete lettori insieme ad altri lettori.

Senza saperlo, da sempre faccio parte del Club di Jane Austen e potermi confrontare, per una volta, con altre persone che hanno letto e che amano i suoi libri, era un'occasione troppo ghiotta per non coglierla.
Questa estate è stata così, con lo spirito arguto di Jane nelle parole e negli atteggiamenti di Elizabeth e Darcy, ed è stato bellissimo.
Per l'inverno ci saranno altri libri da condividere, e non vedo l'ora.



***la solitudine del lettore, se unita alla solitudine della vita, a volte diventa troppo pesante da sopportare. Ma anche per questo ho creato Leggimi nel Pensiero***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…