Passa ai contenuti principali

#IOLEGGOPERCHÈ: i lettori regalano libri a chi non legge mai


Perché io leggo?
Di preciso non saprei dirvi perché leggo, o forse non saprei dirvelo senza usare le parole di altri che prima di me lo hanno detto meglio.

Leggo da sempre, da quando ho memoria, ho l'immagine di me con un libro e, spesso, un sorriso come segnalibro. 
Non mi sono mai chiesta perché leggo, ma lo faccio come se respirassi, quindi probabilmente leggo perché non ne posso fare a meno (e scusate se è retorico, davvero vorrei che non fosse così...).

#IOLEGGOPERCHÈ è una grande iniziativa nazionale dell'Associazione Italiana Editori per la promozione del libro e della lettura rivolta ai futuri lettori, fondata sulla passione dei lettori di ogni età ed estrazione. 
Dal 9 febbraio, i lettori di tutta Italia sono chiamati a trasformarsi in veri e propri Messaggeri “pronti
a tutto” per sensibilizzare il 23 aprile prossimo, Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore e inizio del Maggio dei Libri, chi non legge o legge poco. 
Il 23 aprile 2015, infatti, sarà il giorno di #ioleggoperché dove i protagonisti saranno i libri e i lettori.

240mila libri saranno affidati a migliaia e migliaia di lettori appassionati, ovvero i Messaggeri, che, a loro volta, li affideranno a futuri lettori. Una collana speciale composta da 24 titoli sarà il dono speciale che ogni Messaggero porterà con sé per diffondere il "virus" della lettura. 
I Messaggeri incontreranno le persone a cui affidare i libri nelle scuole, nelle università, ma anche al lavoro, per strada, sui treni e in molti eventi organizzati sul territorio nazionale, con il grande evento #IOLEGGOAMILANO che sarà trasmesso in diretta televisiva nazionale.

Io non ho bisogno di essere contagiata, ma mi piacerebbe contagiare qualcuno col virus della lettura. 
Anche molte persone, nel caso.
Anzi, più vi contagio meglio è!

Io leggo perché... venite, che ve lo racconto da vicino!

Commenti

  1. Questa è una bellissima iniziativa! Chissà che qualcuno in questo modo non si avvicini di più alla lettura. :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…