Passa ai contenuti principali

#IOLEGGOPERCHÈ: i lettori regalano libri a chi non legge mai


Perché io leggo?
Di preciso non saprei dirvi perché leggo, o forse non saprei dirvelo senza usare le parole di altri che prima di me lo hanno detto meglio.

Leggo da sempre, da quando ho memoria, ho l'immagine di me con un libro e, spesso, un sorriso come segnalibro. 
Non mi sono mai chiesta perché leggo, ma lo faccio come se respirassi, quindi probabilmente leggo perché non ne posso fare a meno (e scusate se è retorico, davvero vorrei che non fosse così...).

#IOLEGGOPERCHÈ è una grande iniziativa nazionale dell'Associazione Italiana Editori per la promozione del libro e della lettura rivolta ai futuri lettori, fondata sulla passione dei lettori di ogni età ed estrazione. 
Dal 9 febbraio, i lettori di tutta Italia sono chiamati a trasformarsi in veri e propri Messaggeri “pronti
a tutto” per sensibilizzare il 23 aprile prossimo, Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore e inizio del Maggio dei Libri, chi non legge o legge poco. 
Il 23 aprile 2015, infatti, sarà il giorno di #ioleggoperché dove i protagonisti saranno i libri e i lettori.

240mila libri saranno affidati a migliaia e migliaia di lettori appassionati, ovvero i Messaggeri, che, a loro volta, li affideranno a futuri lettori. Una collana speciale composta da 24 titoli sarà il dono speciale che ogni Messaggero porterà con sé per diffondere il "virus" della lettura. 
I Messaggeri incontreranno le persone a cui affidare i libri nelle scuole, nelle università, ma anche al lavoro, per strada, sui treni e in molti eventi organizzati sul territorio nazionale, con il grande evento #IOLEGGOAMILANO che sarà trasmesso in diretta televisiva nazionale.

Io non ho bisogno di essere contagiata, ma mi piacerebbe contagiare qualcuno col virus della lettura. 
Anche molte persone, nel caso.
Anzi, più vi contagio meglio è!

Io leggo perché... venite, che ve lo racconto da vicino!

Commenti

  1. Questa è una bellissima iniziativa! Chissà che qualcuno in questo modo non si avvicini di più alla lettura. :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…