Passa ai contenuti principali

Il cavaliere senza nome di Fabiola D'Amico

Cover di Elisabetta Baldan
Da adulti, forse, abbiamo smesso di credere alle favole, ma il nostro animo non ha smesso di cercare la favola, non ha mai smesso di averne bisogno.
Ci sono molti modi per sopperire a questo bisogno. E poi ci sono i lettori.

Noi lettori cerchiamo in diversi generi di lettura il sogno che ci ispiravano le favole che leggevamo da bambini: io ricerco la favola nei romance e nei romanzi storici.

***ma forse la cerco in ogni libro che apro***

Non chiedetemi perché, ma sono contenta solo quando, in libri di questi due generi, riesco a ravvisare un elemento che mi permette di pensare: "Potrebbe essere benissimo andata così. O in altri mille modi diversi". E là parte il sogno.

"Il cavaliere senza nome" di Fabiola D'Amico è ambientato nel 1130, un'epoca così lontana in cui Storia e leggenda si fondono, e non è difficile immaginare che i protagonisti siano davvero esistiti.
Fosco è un orfano abbandonato sulla soglia di un convento di Palermo: fin da subito il temperamento del bambino fa presagire che il suo futuro non sarà con la tonaca addosso, quanto piuttosto con l'armatura. Crescendo, il sogno di Fosco si fa più chiaro e si scontra, purtroppo, con la realtà: vuole essere un cavaliere, ma senza un nome, un casato o un protettore sarà impossibile. Il coraggio del giovane, tuttavia, diventa il suo biglietto da visita nei confronti di re Ruggero II.

Serena è la nipote del re ed è poco avvezza alle maniere femminili: al ricamo preferisce il tiro con l'arco ed è votata alla libertà piuttosto che alla sottomissione che una donna deve al padre e al marito. Fosco sembra l'unico in grado di ammansire il carattere focoso della ragazza, accendendola di ben altre passioni...

La storia d'amore tra Fosco e Serena raggiunge picchi di alta commozione in diversi punti del libro ed è tutto merito della scrittura di D'Amico che, già ne "Il guerriero e la dama di ghiaccio" - che ho letto già qualche tempo fa e che voglio rileggere e, spero, recensire - ha dato prova di saper maneggiare bene l'ambientazione storica, ricca di dettagli d'epoca, infondendola di profondità emotiva.

Risulta difficile staccare le vicende storiche dalla storia personale dei personaggi e, ancora di più, diventa complicato non affrettare la lettura per sapere se e come andranno - da un punto di vista umano - certi combattimenti e battaglie.
Quando si studia la Storia a scuola, non si presta mai sufficiente attenzione agli uomini che hanno partecipato agli eventi, pensandoli troppo lontani da noi, senza un volto definito né sentimenti.

"Il cavaliere senza nome" ce li fa sentire più vicini, appassionandoci alle loro vite, tanto da staccarci poi con dispiacere una volta arrivati all'ultima pagina.


P.S.: se avete difficoltà ad immaginare i personaggi, vi basterà guardare la bellissima copertina di Elisabetta Baldan!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…