Passa ai contenuti principali

Il cavaliere senza nome di Fabiola D'Amico

Cover di Elisabetta Baldan
Da adulti, forse, abbiamo smesso di credere alle favole, ma il nostro animo non ha smesso di cercare la favola, non ha mai smesso di averne bisogno.
Ci sono molti modi per sopperire a questo bisogno. E poi ci sono i lettori.

Noi lettori cerchiamo in diversi generi di lettura il sogno che ci ispiravano le favole che leggevamo da bambini: io ricerco la favola nei romance e nei romanzi storici.

***ma forse la cerco in ogni libro che apro***

Non chiedetemi perché, ma sono contenta solo quando, in libri di questi due generi, riesco a ravvisare un elemento che mi permette di pensare: "Potrebbe essere benissimo andata così. O in altri mille modi diversi". E là parte il sogno.

"Il cavaliere senza nome" di Fabiola D'Amico è ambientato nel 1130, un'epoca così lontana in cui Storia e leggenda si fondono, e non è difficile immaginare che i protagonisti siano davvero esistiti.
Fosco è un orfano abbandonato sulla soglia di un convento di Palermo: fin da subito il temperamento del bambino fa presagire che il suo futuro non sarà con la tonaca addosso, quanto piuttosto con l'armatura. Crescendo, il sogno di Fosco si fa più chiaro e si scontra, purtroppo, con la realtà: vuole essere un cavaliere, ma senza un nome, un casato o un protettore sarà impossibile. Il coraggio del giovane, tuttavia, diventa il suo biglietto da visita nei confronti di re Ruggero II.

Serena è la nipote del re ed è poco avvezza alle maniere femminili: al ricamo preferisce il tiro con l'arco ed è votata alla libertà piuttosto che alla sottomissione che una donna deve al padre e al marito. Fosco sembra l'unico in grado di ammansire il carattere focoso della ragazza, accendendola di ben altre passioni...

La storia d'amore tra Fosco e Serena raggiunge picchi di alta commozione in diversi punti del libro ed è tutto merito della scrittura di D'Amico che, già ne "Il guerriero e la dama di ghiaccio" - che ho letto già qualche tempo fa e che voglio rileggere e, spero, recensire - ha dato prova di saper maneggiare bene l'ambientazione storica, ricca di dettagli d'epoca, infondendola di profondità emotiva.

Risulta difficile staccare le vicende storiche dalla storia personale dei personaggi e, ancora di più, diventa complicato non affrettare la lettura per sapere se e come andranno - da un punto di vista umano - certi combattimenti e battaglie.
Quando si studia la Storia a scuola, non si presta mai sufficiente attenzione agli uomini che hanno partecipato agli eventi, pensandoli troppo lontani da noi, senza un volto definito né sentimenti.

"Il cavaliere senza nome" ce li fa sentire più vicini, appassionandoci alle loro vite, tanto da staccarci poi con dispiacere una volta arrivati all'ultima pagina.


P.S.: se avete difficoltà ad immaginare i personaggi, vi basterà guardare la bellissima copertina di Elisabetta Baldan!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…