Passa ai contenuti principali

Riscrivere Pinocchio su Twitter non è un gioco (solo) da ragazzi


Fa sempre un certo effetto riprendere in mano i libri che ci hanno fatto compagnia quando eravamo bambini e l'errore più grande sarebbe quello di lasciarsi sopraffare dall'emozione, bollarli semplicemente come ricordi di un tempo andato e credere che hanno perso la loro funzione nel presente.

Spesso, rileggere i cosiddetti "libri per bambini" quando bambini non si è più - almeno anagraficamente - è un esercizio utile per ritrovare quegli aspetti del testo che, nella loro semplicità e ingenuità, contengono perle adatte a tutte le età.

Così, quando ho saputo che TwLetteratura propone alla comunità di Twitter di riscrivere Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, ho pensato che fosse un'ottima opportunità per mettere in pratica uno di quei buoni propositi secondo cui dico sempre di voler rileggere le opere che hanno caratterizzato le mie prime letture, e poi non lo faccio mai. Stavolta lo farò, invece!

Già lo scorso anno, la comunità si era lanciata nella riscrittura dei Promessi Sposi con il coinvolgimento delle scuole di ogni grado e degli utenti del social network. Stavolta Pinocchio diventerà #TwPinocchio, l'hashtag del progetto da inserire nei tweet dal 10 novembre 2014 al 20 gennaio 2015.
Il testo di riferimento sarà quello tratto dall’Edizione Critica edita dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi a cura di Ornella Castellani Pollidori, con il patrocinio dell’Accademia della Crusca, scaricabile da questo link sul sito della fondazione.

Si partecipa come in un gioco e, come in un gioco, ci sono delle regole e un calendario specifico a secondo di chi partecipa: uno per gli utenti di Twitter, uno per gli studenti di età inferiore ai 13 anni e uno per gli studenti dai 13 anni in su.
Il libro è composto da 36 capitoli che saranno riletti, riassunti, parafrasati e commentati in 72 giorni - un capitolo ogni due giorni - tramite i 140 caratteri dei tweet di Twitter, ricordandosi si aggiungere sempre l'hashtag del progetto e il numero del capitolo.

Per ogni ulteriore informazione o curiosità, cliccate qui e seguite le istruzioni.

Io parteciperò, anche perché il fatto di rileggere uno dei libri della mia infanzia in formato ebook - eh sì, lo sto leggendo in formato elettronico... - quindi coi mezzi che uso ora, sottolineando e aggiungendo note, mi piace molto.

E poco importa se mentre lo faccio ho quel sorrisetto ebete di chi sta facendo un viaggio nel Paese dei Balocchi (sono già immersa nella storia, visto?!).

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…