Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2014: ecco perché non ne scriverò...


Ieri è iniziato il 27esimo Salone del Libro di Torino e, fino al 12 maggio, al Lingotto sarà una festa di autori, editori ma, soprattutto - spero - di libri.

Lo scorso anno ho seguito in maniera quasi ossessiva ogni minima iniziativa legata alla manifestazione libraria più importante d'Italia [qui trovate i diversi post].
Quest'anno ho deciso di no.
Perché?

Perché il tema del Salone, quest'anno, è il bene e per fare bene le cose bisogna mettere in campo il 1000x1000 di tutte le proprie capacità e io, non essendo riuscita ad andare fisicamente a Torino nemmeno quest'anno, mi sento di non poter offrire ai lettori di questo blog quello che davvero vorrei, e cioè uno sguardo "altro" su una realtà di cui tutti parlano al momento.

«Non discorsi astratti, ma un'agenda di cose da fare. E da fare bene, al meglio possibile».

Lo dicono nella presentazione del tema e lo penso pure io, ora più che mai.
E quindi. Niente Salone del Libro di Torino 2014.
O meglio, niente post da comunicati e cose così, ma se, da tutto il marasma di cose che leggo e che vedo - solo in rete, purtroppo... - dedurrò qualche riflessione da condividere, state pur certi che lo farò con grande piacere con voi.

Forse molti di quelli che, più o meno passivamente, scrivono del Salone dovrebbero farsi qualche domanda e decidere, per una volta, di prediligere la qualità alla quantità.
Ma questa è solo una mia opinione.

Intanto, continuo a leggere libri e a cercare di leggermi anche nel pensiero.
E voi, se vi va, fatemi compagnia...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…