Passa ai contenuti principali

La frenesia in libreria


Non riesco ad immaginarmi mentre intraprendo un viaggio - di qualsiasi lunghezza o natura - senza portare un libro con me.
Succedeva quando facevo la pendolare per andare all'università, succede oggi che viaggio per i motivi più diversi.

Ultimamente, ho notato che, prima di partire più che fare la lista delle cose da mettere in valigia, mi segno i libri da comprare all'aeroporto o in stazione.
Non so spiegarvi esattamente perché succede, ma arrivo là con la mente in fibrillazione - come del resto mi capita sempre quando entro in libreria - e me ne frego pure se stanno chiamando l'imbarco: io uscirò da lì con i miei libri!

La frenesia che mi coglie in libreria, però, ha un lato negativo che esula da quello economico (che pure è messo a dura prova).
Arrivata lì, mi dimentico totalmente della lista razionalmente (?) stilata in precedenza, ed esco da lì sempre con il libro che prima non volevo e che, anzi, non avevo proprio preso in considerazione.

È capitato anche l'altro giorno.
Avevo la lista dei 12 libri in lizza per il Premio Strega 2014 bella e pronta, non tutti e 12 ovviamente, ma ce ne sono due o tre che voglio leggere. E quale momento migliore se non durante un viaggio, mi ero detta.
Non so cosa sia successo nel tempo intercorso tra l'entrata e l'uscita dalla libreria, ma mi sono ritrovata con altri libri in mano, libri che non sapevo manco che erano usciti, che non avevo nemmeno sentito nominare in giro.

Ora, due sono le cose: o nel condotto di aerazione della libreria c'era del gas che mi ha fatto perdere i sensi, o i signori che fanno le copertine sono stati così bravi da attrarmi - con l'inganno o meno ve lo dirò dopo aver letto i libri in questione - verso qualcosa che non era contemplato nella mia mente.

Quei libri che volevo leggere li voglio ancora leggere. 
Li voglio leggere.
Devo sperare solo di tenerlo bene a mente la prossima volta che entro in libreria.

Commenti

  1. Ahhuauhau. Capita spesso anche a me. Compro roba che non ho mai sentito nominare. Siamo donne d'istinto e di pancia, non ci sta niente da fare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, allora mi sento meglio! Credevo di fare cose assurde... da sola! :-D
      Il mio girovita conferma che sono una donna di pancia, anche se a me piace chiamarlo "istinto verso le cose buone (da mangiare)" :-D

      Elimina
  2. Ciao, carino il tuo blog! Non preoccuparti, non sei la sola... io credo di avere una seria malattia e devo trovare un centro dove poterne parlare O.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucrezia! Vieni qua a parlarne!!! Ci curiamo insieme... oppure no!
      Ma vuoi mettere, che meravigliosa malattia libresca che abbiamo! :D

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…