Passa ai contenuti principali

Biblioteca vivente: ogni persona ha una storia da raccontare. Come un libro.


Anche quando ero piccola, mi piaceva ascoltare le storie.
Mia mamma mi racconta che passavo ore ed ore in braccio a mia zia che mi raccontava di tutto, favole, filastrocche, "i cunti e i fattarielli"
Credo che mi raccontasse pure i film, non so di preciso.

In quel momento, anche se poco più che in fasce, io ero in una biblioteca vivente.

Qualche tempo fa, girovagando in maniera matta e disperatissima sul web, mi sono imbattuta in questa meraviglia: il Living Library Italian Network.
Scusate la terribile ignoranza, ma io credevo che le biblioteche viventi esistessero solo nelle favole. O, al massimo, nei miei sogni. E invece no.

La prima Living Library - detta anche Human Library - è nata nel 2000 in Danimarca su proposta di Stop The Violence. In seguito ad un'aggressione a sfondo razzista, l'associazione pensò ad un modo diverso per far riflettere le persone. Così, cinque giovani danesi decisero di rispondere alla brutalità con il dialogo e, in occasione del Roskilde Festival - uno dei più grandi Festival musicali in Europa -, delle persone in carne e ossa si trasformarono in libri, ognuno con una storia da raccontare, attinente alla propria realtà e alle proprie esperienze, ad un lettore desideroso di conoscere mondi diversi.


Un'azione così semplice eppure così profonda, piena di significato e destinata a trasformarsi in una catena che abbraccia tutto il mondo, dall'Islanda, Norvegia, Olanda, Belgio, Romania, Austria, Slovenia, Portogallo fino all'Italia (Torino, Bologna, Ferrara, Terni, Modena, Treviso).

Durante gli incontri delle Biblioteche Viventi, i lettori scelgono la storia attraverso un titolo, non la persona che la racconta, proprio come se si trovassero davanti le schede di descrizione di un libro in una qualsiasi biblioteca. Dopodiché, il lettore si presenta al banco dei prestiti e richiede il proprio libro vivente. I bibliotecari registrano il prestito che dura più o meno una mezz'oretta e poi accompagnano il lettore alla storia scelta, alla postazione fisica del suo libro vivente.

Già Ray Bradbury nel mitico "Fahrenheit 451" aveva lanciato l'idea di salvare un libro "incorporandolo" in una persona, ma le biblioteche viventi vanno oltre. Custodiscono anche storie che nessuno mai ha scritto e che però sono affascinanti come quelle messe nero su bianco in un libro.

Perché la vita, qualsiasi vita, ha qualcosa che vale la pena di essere raccontata e di essere ascoltata.

You may say I'm a dreamer, but I'm not the only one... fortunatamente!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…