Passa ai contenuti principali

Biblioteca vivente: ogni persona ha una storia da raccontare. Come un libro.


Anche quando ero piccola, mi piaceva ascoltare le storie.
Mia mamma mi racconta che passavo ore ed ore in braccio a mia zia che mi raccontava di tutto, favole, filastrocche, "i cunti e i fattarielli"
Credo che mi raccontasse pure i film, non so di preciso.

In quel momento, anche se poco più che in fasce, io ero in una biblioteca vivente.

Qualche tempo fa, girovagando in maniera matta e disperatissima sul web, mi sono imbattuta in questa meraviglia: il Living Library Italian Network.
Scusate la terribile ignoranza, ma io credevo che le biblioteche viventi esistessero solo nelle favole. O, al massimo, nei miei sogni. E invece no.

La prima Living Library - detta anche Human Library - è nata nel 2000 in Danimarca su proposta di Stop The Violence. In seguito ad un'aggressione a sfondo razzista, l'associazione pensò ad un modo diverso per far riflettere le persone. Così, cinque giovani danesi decisero di rispondere alla brutalità con il dialogo e, in occasione del Roskilde Festival - uno dei più grandi Festival musicali in Europa -, delle persone in carne e ossa si trasformarono in libri, ognuno con una storia da raccontare, attinente alla propria realtà e alle proprie esperienze, ad un lettore desideroso di conoscere mondi diversi.


Un'azione così semplice eppure così profonda, piena di significato e destinata a trasformarsi in una catena che abbraccia tutto il mondo, dall'Islanda, Norvegia, Olanda, Belgio, Romania, Austria, Slovenia, Portogallo fino all'Italia (Torino, Bologna, Ferrara, Terni, Modena, Treviso).

Durante gli incontri delle Biblioteche Viventi, i lettori scelgono la storia attraverso un titolo, non la persona che la racconta, proprio come se si trovassero davanti le schede di descrizione di un libro in una qualsiasi biblioteca. Dopodiché, il lettore si presenta al banco dei prestiti e richiede il proprio libro vivente. I bibliotecari registrano il prestito che dura più o meno una mezz'oretta e poi accompagnano il lettore alla storia scelta, alla postazione fisica del suo libro vivente.

Già Ray Bradbury nel mitico "Fahrenheit 451" aveva lanciato l'idea di salvare un libro "incorporandolo" in una persona, ma le biblioteche viventi vanno oltre. Custodiscono anche storie che nessuno mai ha scritto e che però sono affascinanti come quelle messe nero su bianco in un libro.

Perché la vita, qualsiasi vita, ha qualcosa che vale la pena di essere raccontata e di essere ascoltata.

You may say I'm a dreamer, but I'm not the only one... fortunatamente!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…