Passa ai contenuti principali

Vetro di Margherita Remotti


Il vetro è un materiale strano, se ci pensate.
Resistente e fragile allo stesso tempo.
Trasparente e deformante, a secondo di come ci guardate attraverso.

"Vetro" è il titolo del primo romanzo di Margherita Remotti, edito da Lite Editions.
Anna Valenti, la protagonista, lavora per una casa d'aste, è abituata al contatto con oggetti la cui bellezza ha un valore monetizzabile. Finché non trova una statuina che non ha niente a che vedere con tutto quello che ha visto fino a quel momento. 
Si può dire piuttosto che Anna venga trovata da questa opera che ha in sé un mondo e lei lo intuisce. Lo intuisce con l'anima, prima che razionalmente, e non può far altro che mandare all'aria la sua vecchia vita.
Del resto, è come se guardasse la sua esistenza attraverso un vetro sporco, opaco.
E lei stessa è vetro attraverso cui passa tutto, indifferentemente.
Io sono vetro. Il mio corpo è vetro: fermo, astratto, trasparente, sospeso, non toccato, freddo, alieno.
Così, appena Anna trova la statuina, si aggrappa a lei, unico appiglio nella tempesta si indifferenza che paralizza i suoi giorni.
Solo quando stringe tra le mani quella statuina così particolare, Anna inizia a provare qualcosa, dopo tanto tempo: si risveglia in lei il desiderio incontrollabile di possedere qualcosa, e di lottare per quel qualcosa.
Poi conosce Evelyn - l'autrice dell'opera - e scopre che per lei lavorare il vetro è come aggrapparsi ad un barlume di vita, la sola scintilla sopravvissuta al suicidio del suo unico e grande amore.

Nelle pagine di "Vetro" ci sono i riflessi della luce attraverso il materiale che dà il titolo al romanzo e l'opacità del vapore che si forma quando fuori fa freddo.
E forse Margherita Remotti descrive quel senso di spaesamento di quando si guarda i contorni indefiniti attraverso un vetro appannato, quel panico che ci prende quando sappiamo che fuori fa troppo freddo e mai ci vorremmo trovare lì, eppure sappiamo di dover uscire.

C'è sempre un posto freddo, lì fuori da qualche parte della nostra vita, e non vorremmo mai trovarci, eppure basta una scintilla, trasparente e pura, piena di bellezza e di fuoco, e improvvisamente non vediamo l'ora di uscire.

"Vetro" è la prima prova "lunga" della Remotti, che è anche attrice e per anni ha scritto di arte e design sulle principali testate nazionali e ha pubblicato testi e racconti sulla rivista "Sud" e il webmagazine "Torno Giovedì" e per Lite Editions il racconto "Vampire".
E il risultato è una storia forte e limpida. Proprio come il vetro.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…