Passa ai contenuti principali

E per dolce mangia un cuore di Giuseppe Pompameo


Se il cuore fosse dolce, lo si potrebbe mangiare.
Ma non lo è, allora ci sono due cose che si possono fare: prendersene cura o spezzarlo.

"E per dolce mangia un cuore" di Giuseppe Pompameo, edito da Scrittura & Scritture, è un libro composto da cinque racconti in cui il cuore assume forme differenti, a secondo se esplode, se si spezza, se viene calpestato. E la scrittura di Pompameo - già autore di "Le strane abitudini del caso" (Scrittura & Scritture) e di altri saggi - si pone come scopo principale quello di prendere anche il vostro cuore di lettore e di fargli fare qualche capitombolo. Se si schianterà o no, poi, sarà solo questione di fortuna.

"La giostra davanti al mare" è il racconto che apre la raccolta e contribuisce a farvi immergere completamente nell'atmosfera malinconica di una giostra sul lungomare di una località di villeggiatura, con i suoi ritmi e ondate di visitatori, i lunghi silenzi tristi in riva al mare. Tutto questo è filtrato attraverso gli occhi di due creature pure, entrambe prese a calci dalla vita, calpestate dagli esseri umani che si considerano più in diritto di altri di innalzarsi sull'umanità e sputarci sopra. Un bambino e un cane. Due anime gemelle, ognuno che si prende cura del cuore dell'altro come nessun altro ha saputo fare. C'è una crudeltà così sottile nella scelta delle parole di Pompameo che, tutto ad un tratto, vi troverete a rabbrividire con le lacrime agli occhi, quasi senza che ve ne rendiate conto. 
E sta anche lì, secondo me, l'arte di questo scrittore: nella scelta minuziosa delle parole adatte per evocare atmosfere che si incastonano nella testa del lettore e restano lì, sedimentate, finché un colpo di vento non le riporta in movimento e allora si mostrano di nuovo intensamente. 
Il potere della parola, ma, sopratutto, della parola scelta bene.

Ricorre anche negli altri racconti - ma non in tutti - la presenza di un cane, quasi come se l'autore identificasse in esso l'unico essere vivente in grado di capire un uomo in un momento di altissima sensibilità, quando l'anima di affaccia sull'abisso o quando su quell'abisso ci si tuffa.

"Il rumore bianco dell'inverno", oltre ad essere un racconto di questo libro, è anche il titolo di una raccolta segnalata dal Comitato di Lettura del Premio Calvino.

"E per dolce mangia un cuore" è uno di quei libri che li lasciate un pò lì, poi sentite il bisogno di riprenderli e di leggerne una pagina, magari due, perché sono tanto intensi che il cuore non sempre ce la fa a tenerli dentro tutto in una volta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…