Passa ai contenuti principali

L'ombra del bosco scarno di Massimo Rossi: il romanzo del buio segreto nell'anima


Come si sceglie un libro?
Me lo sono chiesta molte volte e tantissimi esperti hanno cercato di dare una loro versione. 
Ma, secondo me, la verità è che un libro si sceglie per un particolare, riconosciuto a livello conscio o inconscio, ma è sempre e solo un particolare.

E' successo così che io scegliessi "fortissimamente", oserei aggiungere, "L'ombra del bosco scarno" di Massimo Rossi, edito dalla casa editrice Scrittura & Scritture.
Tutto è partito dalla visione del booktrailer (che trovate in fondo a questo post): c'è da premettere che io sono una fifona esagerata e, pure per alcuni trailer che trasmettono al cinema prima delle proiezioni, stritolo il braccio di chi mi è vicino con l'altra mano sugli occhi. Ma più che avere paura delle scene cruente, è il sottile insinuarsi di allusioni e ipotesi del male quello che mi terrorizza.
Materia per il noir, insomma, nella sua accezione più pura, quella derivante dalla letteratura gotica inglese del 18esimo e 19esimo secolo, e non come è inteso per la maggior parte oggi, alla maniera americana dell'hardboiled.

Ecco, il booktrailer di "L'ombra del bosco scarno" è puro noir nel senso di gotico. E il romanzo non è da meno.
Fin dall'incipit, si è colti da un senso di disagio, lo stesso che "cola addosso" - una bellissima immagine che Rossi regala al lettore - a Don Basilius, il parroco della chiesa di San Mathias, la chiesa attorno a cui ruota la vita degli abitanti della valle chiamata appunto "la casa del santo Mathias".

La valle potrebbe trovarsi in Trentino, ma non è molto importante conoscere il luogo geografico preciso della storia. Basta sapere che le montagne che circondano la valle hanno isolato all'interno "qualcosa", un germe che non si riesce ad estirpare perchè non si conosce e che, per questo, continua a nutrirsi indisturbato dell'anima dei valligiani.

Se fin dalle prima pagine vi sentirete immersi in una nebbiolina insistente che non sapete bene da dove viene, e che per questo non riuscite a mandare via, sappiate che è quel "qualcosa" che non riuscite a decifrare - almeno fino alle ultime pagine del libro -, ma che avvertite chiaramente per i lievi brividi che vi trasmette sotto pelle.

Nella valle c'è un segreto e ve ne accorgerete da subito: tutti gli uomini adulti indossano un anello d'oro con le iniziali S M. Ma è un segreto che sanno tutti: l'anello è il simbolo di appartenenza all'Adunanza, una comunità nella comunità che, periodicamente, si riunisce sotto la chiesa di San Mathias per discutere degli equilibri della valle.


Pian piano, Massimo Rossi ci svela che non è l'unico segreto esistente nella valle, ma che anzi "ci sono più segreti che vacche al pascolo", e quelli sì che non li conosce nessuno. O quasi.
La scomparsa di un bambino ospite della famiglia Baumann e il suo ritrovamento in condizioni misteriose, portano nella valle la psicologa Helena Ziegler che dovrebbe aiutare il bambino a ricostruire la giornata della sparizione, rimossa dopo uno shock molto forte ma che non si riesce ancora ad identificare.
Ma Helena è stata mandata nella valle per fare molto di più, dal momento che è un'ex poliziotto...

"L'ombra del bosco scarno" è un romanzo noir che vi catturerà fin dalle prime pagine, perché vi renderete conto che quell'insistente nebbiolina, in realtà, è nella vostra testa e avrà la consistenza delle vostre più intime paure.

La scrittura di Massimo Rossi - ingegnere veneto convinto che "non sempre tutto è così come appare agli sguardi sopiti della gente e così la penna diventa uno strumento per provare a scrivere una realtà in cui non sempre i buoni e i cattivi sono come appaiono agli occhi dei più" - scorre via veloce e sembra che gli risulti facile e naturale mettere parole sulla carta, così come ai suoi personaggi viene naturale camminare su per gli irti sentieri di montagna.

Un libro che mi ha fatto riflettere e sperare che, pure per le cose che sembrano più oscure e insolute, ci possa essere uno scioglimento finale che sa di luce.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…