Passa ai contenuti principali

Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen compie 200 anni!


Orgoglio e Pregiudizio: 200 anni e non dimostrarli!
Era il 28 gennaio del 1813 quando apparve la prima edizione in stampa di "Pride and Prejudice" di Jane Austen, per l'editore Thomas Egerton che lo acquistò al costo di 110 sterline e lo lanciò con una tiratura di sole 1500 copie da 18 scellini l'una. E pensare che la sua edizione di lancio ora è stimata per un valore tra i 30 mila e i 50 mila dollari ed è stata battuta all'asta da Christie per 68.500 dollari!

Più o meno tutti lo abbiamo letto - e se non lo avete fatto ancora, smettete di leggere il mio blog e correte a comprarlo! ma poi ritornate qua che ne parliamo, ovviamente! - e, nel corso del tempo, ha ispirato citazioni e parodie, in libreria come al cinema.


Confessione: io l'ho visto prima in tv e poi ho letto il libro. C'è da dire che avevo 11 anni, forse, e mia zia me lo fece vedere per farmi conoscere Laurence Olivier, uno degli attori più belli della sua generazione. E infatti per tantissimo tempo, per me, "Orgoglio e Pregiudizio" cinematografico è stato solo quello del 1940, con  Laurence Olivier/Mr Darcy che, con gli occhi appassionati, mandava all'aria i suoi pregiudizi e scardinava l'orgoglio di Greer Garson/Elizabeth Benneth. Che poi entrambe erano soggetto e oggetto di pregiudizi e di incrollabile orgoglio e mi divertivo ogni volta - l'avrò visto decine e decine di volte! - a capire dove l'uno e dove l'altro si dimostrassero fedeli al titolo. 
Quando poi scoprii che era tratto da un libro - non avevo sempre la tastiera del computer a portata di polpastrelli, all'epoca! -, me lo feci regalare alla prima occasione.


Il gioco di riconoscere i riferimenti ad "Orgoglio e Pregiudizio" continua ancora oggi, al cinema e nei libri, e se pure qualche volta mi è capitato di rivedere un'ombra della sagacia di Lizzy Benneth in qualche personaggio femminile, non riuscirò mai più a provare quel brivido che mi dà sempre e solo Mr Darcy.

E sì, è arrivato il momento di rileggerlo!
E di rivedere il film da cui sono state tratte le foto del post!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…