Passa ai contenuti principali

Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen compie 200 anni!


Orgoglio e Pregiudizio: 200 anni e non dimostrarli!
Era il 28 gennaio del 1813 quando apparve la prima edizione in stampa di "Pride and Prejudice" di Jane Austen, per l'editore Thomas Egerton che lo acquistò al costo di 110 sterline e lo lanciò con una tiratura di sole 1500 copie da 18 scellini l'una. E pensare che la sua edizione di lancio ora è stimata per un valore tra i 30 mila e i 50 mila dollari ed è stata battuta all'asta da Christie per 68.500 dollari!

Più o meno tutti lo abbiamo letto - e se non lo avete fatto ancora, smettete di leggere il mio blog e correte a comprarlo! ma poi ritornate qua che ne parliamo, ovviamente! - e, nel corso del tempo, ha ispirato citazioni e parodie, in libreria come al cinema.


Confessione: io l'ho visto prima in tv e poi ho letto il libro. C'è da dire che avevo 11 anni, forse, e mia zia me lo fece vedere per farmi conoscere Laurence Olivier, uno degli attori più belli della sua generazione. E infatti per tantissimo tempo, per me, "Orgoglio e Pregiudizio" cinematografico è stato solo quello del 1940, con  Laurence Olivier/Mr Darcy che, con gli occhi appassionati, mandava all'aria i suoi pregiudizi e scardinava l'orgoglio di Greer Garson/Elizabeth Benneth. Che poi entrambe erano soggetto e oggetto di pregiudizi e di incrollabile orgoglio e mi divertivo ogni volta - l'avrò visto decine e decine di volte! - a capire dove l'uno e dove l'altro si dimostrassero fedeli al titolo. 
Quando poi scoprii che era tratto da un libro - non avevo sempre la tastiera del computer a portata di polpastrelli, all'epoca! -, me lo feci regalare alla prima occasione.


Il gioco di riconoscere i riferimenti ad "Orgoglio e Pregiudizio" continua ancora oggi, al cinema e nei libri, e se pure qualche volta mi è capitato di rivedere un'ombra della sagacia di Lizzy Benneth in qualche personaggio femminile, non riuscirò mai più a provare quel brivido che mi dà sempre e solo Mr Darcy.

E sì, è arrivato il momento di rileggerlo!
E di rivedere il film da cui sono state tratte le foto del post!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…