Passa ai contenuti principali

Che faccia ha il personaggio del tuo libro preferito?


Leggere aguzza l'immaginazione.
Per me è sempre stato così, e immagino che sia lo stesso per tutti quelli che amano leggere come me.
Si creano mondi all'interno dei mondi già tracciati dall'autore dello scritto che stiamo leggendo e, per me, la parte più interessante di tutti questi mondi è incontrare le persone che li popolano.

Persone che nei libri diventano personaggi, credo per pura fedeltà ad un canone letterario, ma che in realtà non hanno niente di meno nell'aspetto fisico e nei tratti psicologici - quando lo scrittore è bravo - a degli esseri umani in carne ed ossa. 
Stamattina stavo leggendo questo articolo che mi ha confermato che più o meno tutti i lettori forti fantasticano sui personaggi delle storie più belle e, in alcuni casi, hanno anche trovato una reale corrispondenza con foto che gli autori hanno conservato e che sono arrivate fino a noi.

Io riesco ad immaginare solo i personaggi che mi prendono tanto, ma proprio tantissimo. Quelli che quando è finito il libro poi mi mancano e vorrei tenerli nella rubrica telefonica, per chiamarli o mandargli un sms, perchè mi mancano. Non li ho contati, ma vi posso assicurare che non sono tantissimi quelli che mi fanno questo effetto. Ultimamente ho riletto per la milionesima volta il romanzo "La figlia di Mistral" di Judith Krantz e posso dire che è l'unico libro su cui sono riuscita a raccogliere pochissime informazioni, sia sulla pubblicazione che sull'autore. Nonostante questo piccolo mistero, questo è uno di quei casi che descrivevo più sopra, quelli in cui mi mancano i personaggi e, soprattutto, sento la mancanza di Julien Mistral, questo pittore che incarna i demoni bohèmienne che ancora mi abitano.

Non sarà l'altissima letteratura indicata nell'altro articolo, ma i personaggi/persone che ci colpiscono non si mettono a guardare tanto il libro in cui sono stati inseriti. Stanno là e aspettano di essere vissuti.


In compenso, ho scoperto che dal libro è stata tratta una serie televisiva (questa foto sopra è la locandina e l'uomo nella prima immagine è Mistral!) e fortunatamente gli attori (c'è anche Timothy Dalton, diventano poi anche James Bond) rispecchiano abbastanza la mia fantasia!
Quali personaggi vi hanno colpito di più? E come li avete immaginati?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…