Passa ai contenuti principali

Che faccia ha il personaggio del tuo libro preferito?


Leggere aguzza l'immaginazione.
Per me è sempre stato così, e immagino che sia lo stesso per tutti quelli che amano leggere come me.
Si creano mondi all'interno dei mondi già tracciati dall'autore dello scritto che stiamo leggendo e, per me, la parte più interessante di tutti questi mondi è incontrare le persone che li popolano.

Persone che nei libri diventano personaggi, credo per pura fedeltà ad un canone letterario, ma che in realtà non hanno niente di meno nell'aspetto fisico e nei tratti psicologici - quando lo scrittore è bravo - a degli esseri umani in carne ed ossa. 
Stamattina stavo leggendo questo articolo che mi ha confermato che più o meno tutti i lettori forti fantasticano sui personaggi delle storie più belle e, in alcuni casi, hanno anche trovato una reale corrispondenza con foto che gli autori hanno conservato e che sono arrivate fino a noi.

Io riesco ad immaginare solo i personaggi che mi prendono tanto, ma proprio tantissimo. Quelli che quando è finito il libro poi mi mancano e vorrei tenerli nella rubrica telefonica, per chiamarli o mandargli un sms, perchè mi mancano. Non li ho contati, ma vi posso assicurare che non sono tantissimi quelli che mi fanno questo effetto. Ultimamente ho riletto per la milionesima volta il romanzo "La figlia di Mistral" di Judith Krantz e posso dire che è l'unico libro su cui sono riuscita a raccogliere pochissime informazioni, sia sulla pubblicazione che sull'autore. Nonostante questo piccolo mistero, questo è uno di quei casi che descrivevo più sopra, quelli in cui mi mancano i personaggi e, soprattutto, sento la mancanza di Julien Mistral, questo pittore che incarna i demoni bohèmienne che ancora mi abitano.

Non sarà l'altissima letteratura indicata nell'altro articolo, ma i personaggi/persone che ci colpiscono non si mettono a guardare tanto il libro in cui sono stati inseriti. Stanno là e aspettano di essere vissuti.


In compenso, ho scoperto che dal libro è stata tratta una serie televisiva (questa foto sopra è la locandina e l'uomo nella prima immagine è Mistral!) e fortunatamente gli attori (c'è anche Timothy Dalton, diventano poi anche James Bond) rispecchiano abbastanza la mia fantasia!
Quali personaggi vi hanno colpito di più? E come li avete immaginati?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…