Passa ai contenuti principali

Cinquanta Sfumature di Grigio: io confesso!


Confesso: ho letto anche io la trilogia che ha fatto venire fantasie pruriginose a milioni di persone in giro per il mondo. "Cinquanta Sfumature di Grigio" di E.L. James.
Il primo libro mi ha incuriosito, devo dire la verità, ma poi andando avanti, al sorrisetto che ci viene (confessatelo, che viene anche a voi!) quando leggiamo romanticherie da romanzetto rosa e da cinema - rose, champagne, sorprese incredibili, appuntamenti alla Pretty Woman, etc... - è subentrato il sopracciglio sollevato per lo scetticismo.

Possibile che questo Mr Grey le abbia proprio tutte? E possibile che Ana Steel sia proprio così... così... cioè così...?! Non vi svelerò niente, non temete: se volete leggerlo, fatelo. E' comunque una lettura leggera che, in alcuni passaggi intriga (addirittura!), e vi farà passare qualche ora spensierata.

L'altro giorno stavo leggendo questo articolo che parla dell'accoglienza freddina che la trilogia di Mr Grey ha suscitato nel pubblico francese, che ha preferito guardare il libro ben in mostra nelle librerie, piuttosto che comprarlo e leggerlo. Il libro è stato pubblicato in francese proprio qualche giorno fa e dopo tanti mesi di indizi e rivelazioni e finti moralismi, sinceramente di Fifty Shades si sa più o meno tutto. E poi stiamo parlando della Francia, il Paese per eccellenza del romanticismo raffinato e un pò intellettualoide, nonchè patria del piacere dei sensi senza moralismi che tengano.

Probabilmente ormai si sa anche il finale della trilogia, senza bisogno di aprire nemmeno uno dei libri.
Non vi dirò niente, quindi, ma immaginatevi di prendere un toro e di tagliargli le palle... bene, conservate l'immagine fino alla fine della lettura della trilogia!

Sono cattiva, lo so, ma non sono riuscita a trattenermi. A me il grigio, la maggior parte delle volte, mi sembra il colore dell'indecisione. Figuriamoci cinquanta sfumature di indecisione!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…